I gruccioni

E’ difficile spiegare a parole la bellezza esotica di questo uccello. Certo è che i gruccioni, con la loro coloratissima livrea, danno un tocco di esotismo al nostro fiume Musone dove si raggruppano in diverse colonie. Io stessa, la prima volta che ne ho visto uno con il binocolo, non credevo ai miei occhi, non riuscivo a capire come un uccello dai tipici colori tropicali potesse trovarsi alle nostre latitudini.

In realtà il gruccione  vive nell’Africa tropicale insieme a leoni, giraffe e gnu per buona parte dell’anno. Solo in corrispondenza della nostra primavera percorre d’istinto le loro rotte migratorie, macinando migliaia di chilometri per raggiungere le nostre latitudini e riprodursi.

Al Musone sono facilmente visibili ed individuabili, essendo uccelli gregari e molto rumorosi: è veramente  uno spettacolo vederli mentre volteggiano in alto con il loro caratteristico volo planato ad ali aperte che li fa sembrare dei piccoli aquiloni colorati, oppure quando se ne stanno aggrappati in parete dove costruiscono il loro nido. Infatti i gruccioni iniziano a costruire il loro nido scavando dei cunicoli nelle pareti sabbiose del fiume. E’ un lavoro molto estenuante considerando che le gallerie possono superare anche i due metri di lunghezza, tanto è vero che durante questo periodo è facile osservare gruccioni con il becco visibilmente consumato dal lavoro di scavo.
I gruccioni arrivano da noi verso i primi di maggio per ritornarsene in Africa alla fine dell’estate.
Nel giro di soli 4 mesi i gruccioni riescono quindi a: costruire il nido, covare le uova, svezzare i piccoli, insegnare loro a volare e soprattutto rafforzare la loro muscolatura per essere pronti a settembre a percorrere migliaia di km per ritornare alle savane africane. Tutto questo in 4 soli mesi: un miracolo che la natura compie tutti gli anni sotto i nostri occhi con i gruccioni come del resto con  tutti gli altri uccelli migratori.

Il loro nome scientifico è Merops apiaster a ricordarci che il loro cibo preferito sono le api, ma loro dieta è particolarmente varia e non si fanno mancare certo vespe e calabroni, libellule e farfalle, cicale e coleotteri.

Visualizza tutte le foto >>


Leave a Reply

comments-bottom

Featured Photos

Gruccioni – Fi... Posted by author icon admin May 12th, 2017 | no responses
Spatola Posted by author icon admin Apr 26th, 2017 | no responses
Airone cenerino in a... Posted by author icon admin Mar 27th, 2017 | no responses

Random Photos

Podalirio Posted by author icon admin Aug 2nd, 2012 | no responses
Garzetta – Fiu... Posted by author icon admin May 7th, 2016 | no responses
Cinciarella Posted by author icon admin Sep 1st, 2011 | no responses

Browse a category